Logo stampa
HomeAttività e serviziEnergia elettricaIl mercato dell'energia elettrica
Pagina
'Tabella: ee_informativaclienti'

DEBUG

Il mercato dell'energia elettrica

Il settore elettrico ha vissuto e tuttora sta vivendo in Italia una profonda e radicale ristrutturazione, dalla generazione fino alla vendita di energia. Attualmente tutti i clienti, possono scegliere un proprio fornitore nel mercato liberoda cui acquistare l’energia elettrica, in mancanza di tale scelta la fornitura di energia è garantita dal distributore locale o da una sua apposita società controllata, ed a Trieste in particolare da AcegasAps Service srl.
A partire dal 1° luglio 2007 i clienti finali domestici e le piccole imprese, con tutti i punti di prelievo in bassa tensione, che non hanno scelto un venditore sul mercato libero, sono serviti nell’ambito della maggior tutela, a prezzi disciplinati dall’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico. I clienti finali non rientranti nel servizio di maggior tutela e che si trovino senza fornitore del mercato libero o che non lo abbiano scelto, vengono forniti a condizioni e prezzi previamente resi pubblici e non discriminatori, determinati liberamente dalla società esercente il servizio di salvaguardia.

Ripartizione del mercato

  • CLIENTI DOMESTICI:
    • MERCATO DI MAGGIOR TUTELA
    • MERCATO LIBERO
  • PICCOLE IMPRESE:
    • MERCATO DI MAGGIOR TUTELA
    • MERCATO LIBERO
  • GRANDI IMPRESE:
    • MERCATO DI SALVAGUARDIA
    • MERCATO LIBERO

Condizioni economiche per i clienti domestici in maggior tutela

Nel caso di forniture mono orarie si applicano le seguenti tariffe:

  • D2 ai clienti residenti con potenza impegnata non superiore i 3 kW
  • D3 agli altri clienti domestici

Queste condizioni economiche sono determinate ed aggiornate dall’AEEGSI

> Per approfondire: Autorità per l'Energia Elettrica il Gas il Sistema Idrico (AEEGSI)

Condizioni economiche per le piccole imprese

Le tariffe applicate ai clienti non domestici sono costituite dalla somma delle seguenti componenti:

  • tariffa per il servizio di trasmissione sulla rete nazionale
  • tariffa per il servizio di distribuzione, ovvero “opzione tariffaria” del distributore locale
  • tariffa per il servizio di misura
  • corrispettivi a copertura del servizio di vendita, ovvero costo dell’energia e della sua commercializzazione
  • componenti tariffarie A, UC ed MCT
  • Le ”opzioni tariffarie” sono elaborate dal distributore locale.

Per i clienti in maggior tutela, i “corrispettivi a copertura del servizio di vendita” sono determinati dall’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il servizio idrico.
Per i clienti liberi, i “corrispettivi a copertura del servizio di vendita” sono determinati dal contratto di fornitura stipulato dal cliente con la società di vendita.
Le rimanenti componenti sono invece determinate dall’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico.

Condizioni economiche per le grandi imprese

Le tariffe applicate ai clienti non domestici sono costituite dalla somma delle seguenti componenti:

  • tariffa per il servizio di trasmissione sulla rete nazionale
  • tariffa per il servizio di distribuzione, ovvero “opzione tariffaria” del distributore locale
  • tariffa per il servizio di misura
  • corrispettivi a copertura del servizio di vendita, ovvero costo dell’energia e della sua commercializzazione
  • componenti tariffarie A, UC ed MCT

Le ”opzioni tariffarie” sono elaborate dal distributore locale.
Per i clienti in salvaguardia, i “corrispettivi a copertura del servizio di vendita” sono determinati dall’esercente il servizio.
Per i clienti liberi, i “corrispettivi a copertura del servizio di vendita” sono determinati dal contratto di fornitura stipulato dal cliente con la società di vendita.
Le rimanenti componenti sono invece determinate dall’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico.

Tariffe del servizio in salvaguardia

Dal 1° luglio 2007 in Italia, è scattata  la completa liberalizzazione dell’energia elettrica.
I clienti che non hanno stipulato un contratto di fornitura d’energia elettrica con un grossista e che sono serviti nell’ambito del servizio di salvaguardia, definito dall’articolo 1, comma 4, del decreto legge 18 giugno 2007, n.73/07, vengono forniti a condizioni e prezzi liberamente determinati dall’esercente medesimo previamente resi pubblici e non discriminatori.

Opzioni tariffarie base

L’attuale normativa stabilisce che rimangano vigenti fino al 31.03.2008 le opzioni tariffarie, per AcegasApsAmga già approvate con delibera n°348/07 dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico (AEEGSI). Sono aggiornati i vincoli fissati dall’AEEGSI sulle opzioni tariffarie e sui relativi ricavi, sottoposti annualmente a verifica da parte dell’Autorità stessa. In caso di superamento dei limiti prefissati per l’anno 2007, è prevista la restituzione dell’eventuale eccedenza ai clienti. In un’eventualità di questo genere i criteri di restituzione sono i medesimi sia per i clienti vincolati che per quelli liberi. L’unica eccezione a questa regola riguarda gli usi domestici, le cui tariffe - denominate D2 per i “residenti” con potenza contrattualmente impegnata fino a 3kW e D3 per tutte le altre utenze domestiche – sono direttamente stabilite dall’AEEGSI.

La novità: le opzioni biorarie domestiche

Con delibera n°237/07 l’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico (AEEGSI) ha ridefinito l’applicazione delle condizioni economiche basate su tariffe biorarie, per le utenze domestiche di bassa tensione. La nuova tariffa consentirà un risparmio sul prezzo dell’energia, in relazione all’effettivo spostamento dei consumi nelle ore serali e nei fine settimana, ore e periodi in cui la produzione elettrica viene venduta a minor prezzo.
La convenienza dell’opzione bioraria domestica, fermo restando le condizioni di accesso, sarà più conveniente dall’ottobre 2007 se i consumi verranno effettuati per oltre il 44% del totale nelle ore notturne e festive (ovvero quelle comprese fra le ore 0.00 e le ore 8.00 e le ore tra le 19.00 e le 24.00, dal lunedì al venerdì e in tutte le ore delle giornata, il sabato e la domenica).
L’applicazione della tariffa bioraria domestica prevede l’installazione di un idoneo gruppo di misura biorario; compatibilmente con la disponibilità di misuratori idonei presso l’esercente distributore AcegasApsAmga.

Modalità e condizioni per l'erogazione del servizio di connessione alle reti elettriche con tensione nominale superiori ad 1 kV, di ACEGASAPSAMGA. (rif. delibera 281/05 dell'AEEGSI)

Con delibera n. 281/05, l'Autorità per l'energia elettrica, il gas e il sistema idrico ha integrato la normativa esistente relativa all'accesso alle reti elettriche, stabilendo le nuove regole per la richiesta e la realizzazione della connessione alle reti elettriche con tensione nominale superiore ad 1 kV.
La disciplina in oggetto si applica alle richieste di connessione di siti di generazione e di siti di consumo, siano essi nuovi o esistenti, ma interessati, in quest’ultimo caso, ad una modifica della connessione, nonché a rifacimenti della connessione medesima.

 
 
Presentazione del Gruppo
 
Presentazione Gruppo
 
 
HEnergia
 
Henergia
 
 
Risultati economici 2015
 
Risultati economici 2015